COPYRIGHT © 2008 - 2019 Galiacaffe.it  Tutti i diritti riservati.

La pralineria GALÌA

 

La pralineria Galìa creata a regola d'arte da sapienti maestri con le fave di cacao migliori al mondo.

Personalizzabili in ogni forma e confezione per eventi privati ed aziendali.

Consultateci per la fornitura oppure acquistate le nostre eleganti confezioni.

 

Clicca qui per info

La Passione per il Buon Gusto

La nascita del Cioccolato

 

Il popolo Maya è stato il primo a coltivare il cacao in maniera razionalizzata. L'albero del cacao, albero dalla sacra leggenda, è quindi doppiamente prezioso : le fave di cacao servono come moneta di scambio e ingrediente per preparare una bevanda revitalizzante e nutritiva : il cioccolato. Grazie ai Toltechi e poi agli Atzechi, la cultura dell'albero del cacao si estende in America Centrale.

 

Gli spagnoli scoprono il cioccolato
 

Quando Cristoforo Colombo sbarca sull'isola di Guanaja nel 1502, è certamente il primo europeo a gustare la "bevanda degli dei". Fin dal 1521, il cioccolato si espande in tutta l'America spagnola, da Cuba al Venezuela,. Arrivato in Spagna nel 1527, il cioccolato interessa innanzitutto solamente i conventi ed i monasteri poichè il Vaticano l'autorizza per i lunghi periodi di digiuno. Ma molto velocemente, le sue qualità alimentari vengono riconosciute: le ricette  si affinano ed il cioccolato viene presentato sotto diverse forme.

 

Il cioccolato invade l'Europa
 

In Francia e in Europa, il cioccolato diventa di moda, e scatena molte passioni. Lo si paragona a tutte le virtù, come a tutti i mali.
La Marchesa di Sévigné loda i sui valori nutritivi.,digestivi e ricostituenti, prima di incolparlo per le palpitazioni ed i valori che esso le procura.
Ma il successo del cioccolato è soprattutto dovuto ai suoi pretesi poteri afrodisiaci...
Si sostiene che si possa morire di piacere e quelli che lo bevono vengono accusati di depravazione.

 

La democratizzazione del cioccolato

 

Alla fine del XVII secolo, le fabbriche di cioccolato si moltiplicano. I cuochi francesi, acquisiscono l'arte e il modo di ottenere una qualità di cioccolato eccezionale. Per fare ciò, le relazioni commerciali tra la Martinica, la Guadalupa, la Guyana e Santo Domingo permettono loro di approvigionarsi direttamente di cacao. Nel XIX secolo, l'Europa scopre il cioccolato sotto diversi aspetti ; esso si presenta sottoforma di polvere in Olanda, fondente e al latte in Svizzera. Durante il XIX secolo e il XX secolo, l'industrializzazione, la diminuzione delle tasse, e lo sviluppo del trasporto democratizzano il cioccolato.

 

E' nato un cioccolato di Qualità

 

Il XX secolo assiste all'esplosione di golosi piaceri : bocconcini ripieni, barrette di cioccolato, praline di cioccolato, ganaches, carrés per il caffè.
Le grandi fabbriche nascono in quest'epoca. Creata nel 1922 da un pasticciere della Valle del Rodano, M. Guironnet, la "cioccolateia del Vivarais" sarà all'origine del marchio VALRHONA all'inizio degli anni 50. Fin dall'inizio, la filosofia di M. Guironnet è di "utilizzare il meglio per produrre il meglio"